chi siamo         contatti       

Home
Politica
Cronaca
Cultura

Società

 

 

 

 

CHI SIAMO
 
 In redazione

viale delle Milizie 108 00192 Roma, tel.- fax: 06/37511087


Ubax Cristina Ali Farah - Presidente dell'Associazione Migra
Claudio Bacchetti
(direttore responsabile)
Paula Baudet Vivanco
(capo redattore)
 


Limitazione di responsabilità
Migra non presta alcuna garanzia in relazione ai servizi, neanche per eventuali malfunzionamenti del sito e/o del software utilizzato in esso o ottenuto da esso, per mancate o errate comunicazioni, per l’interruzione del servizio, né per le conseguenze derivanti da (o correlate a) qualunque virus trasmesso attraverso i servizi.
Migra declina ogni responsabilità per danni diretti o indiretti di qualunque natura essi siano o sotto qualunque forma si manifestino, in dipendenza dell’utilizzazione del presente sito e/o delle notizie e informazioni ivi contenute.
Questo sito può essere raggiunto da o può condurre ad altri siti che non sono gestiti da Migra. L’agenzia non controlla le informazioni, i prodotti o i servizi offerti da tali altri siti e non è in alcun modo responsabile per il contenuto di tali siti. Migra si riserva la possibilità di cancellare a sua esclusiva discrezione i links con tali siti.
Migra si riserva il diritto di modificare e/o sopprimere qualunque tipo d’informazione e/o programma contenuto nel presente sito in qualunque momento e senza alcun preavviso.

Condizioni per riprodurre i materiali
Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli. Unica condizione: mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.migranews.it
Ove gli articoli, i dati e le informazioni siano utilizzati in forma digitale, la citazione della fonte dovrà essere effettuata in modo da consentire un collegamento ipertestuale (link) alla home page www.migranews.it, o alla pagina dalla quale i materiali, dati o informazioni sono tratti.
In ogni caso, dovrà essere data tempestiva comunicazione dell’avvenuta riproduzione, in forma analogica o digitale, al seguente indirizzo: redazione@migranews.it (allegando, dove possibile, copia elettronica dell’articolo in cui i materiali sono stati riprodotti).

Le immagini
Le fotografie sono rese disponibili gratuitamente a bassa risoluzione (72 dpi); per ottenere via @mail quelle in alta risoluzione (300 dpi), farne richiesta a redazione@migranews.it o telefonando al numero 06.39031235.

 

 Agenzia Migra
 
 

Il tema dell’immigrazione, così come proposto dall’informazione dei grandi mezzi di comunicazione di massa italiani, risulta spesso deformato da superficialità, schematismo, episodicità, sensazionalismo. Per anni, di un fenomeno che si avviava a diventare dato strutturale della società italiana, si sono occupate soprattutto le pagine di cronaca: con una titolazione, un linguaggio e una serie di accostamenti visivi che ne tracciavano un’immagine molto riduttiva, con forti connotazioni negative. L’immigrazione è stata spesso letta e rappresentata dai grandi media in termini allarmistici ed emergenziali e quasi mai analizzata nelle sue cause: la globalizzazione dei mercati, gli squilibri tra Nord e Sud del mondo, la povertà, le nuove forme di colonizzazione economica. Anche ai protagonisti del fenomeno, gli immigrati/e, i media hanno riservato scarso peso e importanza, utilizzandoli solo occasionalmente come soggetti e fonti di informazione.
L’Agenzia “Migra” (Agenzia informazione immigrati associati) è nata in questo contesto, all’interno del progetto Equal “L’Immagine degli immigrati in Italia tra media, società civile e mondo del lavoro”, con la volontà di dare voce ai soggetti interessati, partendo dal loro punto di vista e promovendo una stretta collaborazione tra giornalisti immigrati/e e italiani/e per una corretta rappresentazione delle comunità straniere nei media. “Migra” è la prima agenzia in Europa ad avvalersi prevalentemente di corrispondenti immigrati/e. L’obiettivo dell’Agenzia è quello di raccontare il fenomeno dell’immigrazione attraverso i suoi protagonisti, e di rappresentare giornalisticamente la normalità di una presenza ormai stabile nella nostra società, e capace di produrre cambiamenti sociali e culturali rilevanti.
L’Agenzia, considerata uno strumento particolarmente efficace per modificare l’immagine dell’immigrazione, da attività strategica è stata trasformata in partner dell’azione Equal. L’Associazione “Migra” è divenuta così, grazie alla volontà delle 22 organizzazioni coinvolte, tra cui Oim, Caritas di Roma e Archivio dell’Immigrazione, il ventitreesimo partner del progetto “L’Immagine degli immigrati in Italia”, assumendo una propria autonomia operativa anche in qualità di editore grazie alla registrazione del sito come testata giornalistica presso il Tribunale di Roma.
Nella prima fase di vita l’Agenzia si è dedicata alla creazione di un sito funzionale alla sua mission informativa e alla costruzione di una rete di corrispondenti sul territorio nazionale, avvalendosi anche dell’esperienza dei partner delle diverse città italiane che hanno proposto alcuni possibili collaboratori e collaboratrici di origine straniera. “Migra” ha selezionato i più esperti, in grado di rappresentare a livello locale e nazionale i temi e i problemi dell’immigrazione, stabilendo con loro un rapporto di lavoro. Finora più di ottanta collaboratori hanno scritto per l’Agenzia da diverse città d’Italia, da sud (Messina, Bari) a nord (Torino, Milano, Genova, Padova). Da segnalare l’alta percentuale di corrispondenti donne che hanno raccontato dalle pagine di “Migra” la realtà sempre più multiculturale di questo Paese, a partire dall’ormai consolidata immigrazione femminile. Ad una corrispondente di Migra, Emilia David Drogoreanu, per gli articoli pubblicati sul sito dell’Agenzia è stata attribuita, nel 2004, la menzione speciale per la sezione giovani del Premio giornalistico Mostafà Sohuir, promosso dall’organizzazione non governativa Cospe e dal Comune di Firenze.

Anche la redazione centrale di Roma è costituita in maggioranza da operatrici che hanno cominciato come corrispondenti e che ora lavorano come redattrici, dopo aver sostenuto un tirocinio di prova. L’Agenzia, attenta ai cambiamenti del tessuto sociale, ha anche inserito tra i propri collaboratori alcuni migranti di seconda generazione, cerniera del rapporto tra la cultura italiana e quella d’origine. L’Agenzia ha potuto contare anche sul lavoro di due sedi decentrate: una a Torino, presso il Centro interculturale del Comune, e una a Bari, presso la sede del Centro “Abusuan”, entrambi partner del progetto.

“Migra” ha inoltre collaborato con altre testate: con il canale Rainews 24, nella preparazione di 10 trasmissioni speciali dal titolo “Immigrato: dieci pregiudizi da sfatare” e di due dirette tematiche sul razzismo; con i giornalisti di rubriche televisive come “Shukran” (settimanale del TG3), il GT Ragazzi di Rai Tre e con il Tg Regionale del Lazio.

Attraverso la partnership transnazionale “EquaMedia” del progetto “L’Immagine degli immigrati in Italia”, finalizzata a migliorare i prodotti dei media locali e nazionali rispetto alla rappresentazione degli stranieri nell’Unione europea, alcuni redattori e corrispondenti di “Migra” hanno preso parte, in collaborazione con l’Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni), a incontri con altre realtà di informazione sull’immigrazione in Europa, con scambi di docenti e di corsisti tra i partner di alcuni Paesi (Olanda, Italia e Gran Bretagna).